Ogni giorno ha la sua pena…

Ultimissimi penosi strascichi parlamentari della vicenda Englaro.

Dopo la Camera dei Deputati anche l’altro ramo del Parlamento si è pronunciato in favore del conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato con ampia maggioranza.

Contrari i soli Senatori radicali ed il gruppo dell’Italia dei Valori, mentre il PD ha fatto quel che fa dalla sua nascita : si astiene e bene ha fatto Miriam Mafai a biasimarne la pavidità in un pezzo apparso sulla “Repubblica” http://www.repubblica.it/2008/07/sezioni/cronaca/eluana-eutanasia-2/fuga-pd/fuga-pd.html

Ed è questo il vero scandalo del giorno perchè ormai sulla deriva pseudo-valoriale, codina e vandeana della Maggioranza di Governo non vale davvero la pena soffermarsi ulteriormente, se non per sottolineare, en passant, la coraggiosissima iniziativa da “salmoni”di 14 onorevoli del PDL presentatori, giorni fa, di una mozione in difesa della libertà terapeutica.

E allora citiamoli questi ribelli al dispotismo clerical-conformistico imperante nei palazzi della politica: Benedetto della Vedova, Margherita Boniver, Peppino Calderisi, Mario Pepe,Alfonso Papa, Lella Golfo, Fiamma Nirenstein, Enrico Costa, Chiara Moroni, Francesco Nucara, Roberto Antonione, Giorgio La Malfa, Sergio Pizzolante e Umberto Scapagnini.

Tutti meritevoli di un plauso unitamente al Senatore Paravia che ha votato in dissenso dal suo gruppo a Palazzo Madama.

E’ il caso di dire questo passa il convento…

Anche perchè l’atteggiamento del PD in questa circostanza è stato veramente rivoltante, di una doppiezza tutta togliattiana, la stessa che spinse l’emiciclo ad inserire nella carta costituzionale l’infamia clerical-fascista del Concordato per non “creare fratture con le masse cattoliche”.

Ecco , in piccolo è successa una cosa simile, con la differenza che il Togliatti dell’epoca era un gigante della politica e gli attuali imitatori paiono , più che altro, abitatori di una  delle terre visitate da Gulliver.

Non dimentichiamo, infatti, che oggi l’opinione pubblica è quasi tutta dalla parte di Papà Englaro più che da quella dei banditori questa nuova,assurda crociata dei pezzenti.

Un gesto di coraggio sarebbe stato apprezzato ed invece nulla : ci si bea dell’approvazione di un ordine del giorno che “impone”(sic) al Parlamento di discutere le proposte di legge depositate in merito  al Testamento biologico.

Eh sì, perchè con questi chiari di luna l’espressione “una legge sul testamento biologico è necessaria” , su cui è stato raggiunto l’accordo, suona piuttosto ambigua, se non minacciosa.

Quale legge mai potrà licenziare uno schieramento governativo che ha al suo attivo un provvedimento come la famigerata Legge 40 sulla fecondazione assistita?

Delle due l’una : o non avremo una legge o ne avremo una pessima.

E forse il primo caso è preferibile.

Con buona pace dei legislatori sulla pelle altrui, sarà la società civile a prendersi le libertà così ottusamente e pervicacemente coartate se non negate .

Solo questione di tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: