Condannata a vita

beppino-ed-eluana-englaroPensavo che ci fosse un limite alla malvagità di coloro che si credono investiti della missione di indicare la retta via all’uomo comune  il cui unico anelito è quello di poter condurre una vita da libero senza essere schiacciato dal peso insostenibile di norme scritte o morali imposte,il più delle volte,con la forza cogente delle leggi.

Pensavo che l’arroganza del pensiero dominante non potesse mai mutarsi  in determinazione belluina e luciferina a perseguire il male del nostro prossimo.

Pensavo che il vilipendio nei confronti di un essere umano fosse il retaggio doloroso di genti lontane prigioniere di un passato che si ostina a non passare e che alcuni si incaricano di mummificare con l’illusione di serbarlo per l’eternità.

Pensavo che,invece,noi che abbiamo la fortuna di vivere in un paese che proclama ad alta voce la propria fede negli ideali della democrazia non avremmo mai subito l’oltraggio di vedere sequestrata la nostra volontà,la nostra umanità calpestata ed  il tesoro inestimabile delle nostre coscienze trafugato da predoni senza scrupoli e senz’altra brama che non sia quella del dominio assoluto.

Pensavo che tutto questo fosse solo un incubo partorito dalla mente folle di qualche ciarlatano che giocasse a fare il demiurgo sulla pelle altrui con i propri ubbidienti  servitori e plaudenti sicofanti.

Ora ho solo qualche certezza in meno…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: