Fine della corsa

scioperoNel paradiso dello sciopero selvaggio non sarà più tempo di festeggiare…o perlomeno così si spera.

Sono rimasti solo gli ultimi giapponesi della CGIL e dei malandati partiti della sinistra nazionale,infatti, a difendere la libertà di interrompere a piacimento i pubblici servizi di trasporto.

Certamente la soluzione preferibile sarebbe quella di procedere ad una indispensabile privatizzazione degli stessi,ma in tempi di revival della mano pubblica tocca accontentarsi di un restyling che permetta ad una macchina farraginosa di funzionare un pochino meglio.

Via libera,quindi,ad una versione d’importazione della legge francese sul servizio minimo,approvata lo scorso anno dalla maggioranza sarkoziana per frenare una deriva catastrofica per molti versi analoga alla nostra.

La Commedia rappresentata un’infinità di volte aveva un copione ben definito: un pugno di ardimentosi rappresentanti di sindacati pulviscolari  bloccavano senza preavviso tram, autobus,aerei e quant’altro;a ruota seguivano,magari un po riluttanti, le confederazioni maggiori,timorose di perdere il monopolio della rappresentanza dei lavoratori.

Il tutto si consumava tra lo sconcerto e la rabbia rassegnata degli utenti finali che, come sovente accade nel bel paese, pagavano lo scotto del particolarismo con preziose ore di lavoro e di stipendio perdute.

Vero che il diritto di sciopero è diventato uno dei pilastri delle costituzioni liberaldemocratiche contemporanee,ma la collisione con l’altrettanto sacrosanta libertà di movimento dei cittadini(in regime,lo ripetiamo,di monopolio pubblico dei trasporti) non potesa appalesarsi in una maniera più totale di quanto accaduto negli ultimi decenni.

Ben venga,quindi,questa iniziativa legislativa purchè sia un viatico ad una indifferibile liberalizzazione del settore, ad esempio partendo da quel vero obbrobrio e centro di malaffare clientelare spesso costituito dalle società municipalizzate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: