Il braccio violento della legge

supplizio tricoloreCronaca minuta e terribile.

L’altro giorno una squadraccia di picchiatori,20-25 secondo le ricostruzioni,si è divertita a bersagliare alcuni bengalesi impegnati nell’organizzazione del loro Capodanno.

Una delle tante aggressioni che costellano il caotico tessuto di una città sempre meno a misura d’uomo, si dirà.

E invece no,perchè,oltre alla matrice chiaramente razzista del fattaccio,mi stupisce,ma non più di tanto in realtà,il silenzio imbarazzato di politici e scribacchini che fino a qualche mese fa seminavano il terrore nelle case di molti italiani descrivendo scenari apocalittici e reclamando pene esemplari spesso e volentieri con la bava alla bocca.

Atteggiamento comune ad ambedue gli schieramenti tranne poche,lodevoli,eccezioni.

Di quei poveri illusi,per intenderci,per i quali lo Stato è un male,magari necessario,che deve mantenere le caratteristiche rigorosamente delimitate da una legge scritta fondamentale(non importa quanto farraginosa ed anacronistica essa sia).

Allorquando si decide, arbitrariamente, di legiferare con proposte improntate all’eccezionalità, le libertà individuali corrono seri rischi di coartamento.

Ed è questo un piano inclinato che il potere sembra aver deciso di assecondare con l’illusione di riuscire a controllarne l’inerzia.

Non solamente in Italia,ovviamente,ma da noi lo svuotamento democratico fa aggio sulla sistematica refrattarietà alla prassi liberale di classi dirigenti,non solo politiche,eredi e continuatrici dell’esperienza fascista.

Che,come si ricorda,fu anche merce d’esportazione: dovremmo evitare di ripetere questo triste e discutibile successo internazionale.

Ma il tempo sembra essere oramai scaduto.

Annunci

Una Risposta to “Il braccio violento della legge”

  1. Sai Lafayette quele è il problema? Che a Roma nell’ultimo periodo si sono svolte feste e festicciole di tutte le comunità esistenti e non c’è mai stato neanche uno screzio. Tra l’altro siccome per il Comune se ne occupava Tiziana spero che ti confermerà. Ora , indipendentemente da chi si vota e da che interesse si ha sulle etnie diverse c’è da chiedersi perchè e come sono coordinate queste manifestazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: