Corsia privilegiata

Gli anniversari,si sa,vanno adeguatamente celebrati e possibilmente compendiati con munifici regali ad offrire prova tangibile dell’affetto ostentato, troppo spesso,con mero zelo retorico.

Non correrà questo rischio,senza ombra di dubbio alcuna,il Ministro delle Finanze del Governo Berlusconi,Giulio Tremonti che ha pensato bene di prepararsi all’infausta ricorrenza dei Patti Lateranensi elargendo generosi emolumenti alla beneamata e privilegiata categoria degli insegnanti di religione(cattolica) di ruolo e supplenti.

Passi  per la deliberata volontà strumentale di questo e consimili provvedimenti approvati a passo di carica per compiacere gli inesorabili diktat delle gerarchie ecclesiastiche(è cosa nota,ahinoi,che governi di ogni colore e partiti di ogni schieramento hanno flirtato in passato e perseverano tuttora ad amoreggiare con il potere vaticano).

 Quello che dovrebbe ripugnare ogni sincera coscienza democratica,che non sia solo buona coscienza va da sè,è la deliberata discriminazione messa in atto ai danni di quelle migliaia di operatori della pubblica istruzione condannati ad attendere le calende greche per vedersi riconoscere un trattamento,non solo economico,meno mortificante da parte di un datore di lavoro inflessibile solo quando si tratta di esigere i proventi di una tassazione non bassissima,ad usar eufemismi.

Altro scandalo italico,nihil mirari,quello del mancato rispetto della sentenza europea che riconosceva una lesione palese dei diritti dei cosiddetti “precari”(senza sponsor,diciamo) nel mancato riconoscimento degli scatti di anzianità anche per costoro.

Il tutto in base al principio di non-discriminazione…

Ah sì,proprio quei principi fondamentali che taluno,nello schieramento del Ministro in questione,vorrebbe rimodellare ad immagine e somiglianza del Gran Demiurgo ,dando una bella sistematina a quella vecchia pergamena chiamata Costituzione!

Buon Compleanno,quindi,alla Conciliazione dell’ 11 febbraio , scellerata madre di quel Concordato,frutto dello stupro di gruppo partitocratico consumatosi già all’indomani della vittoria liberatrice.

E speriamo che sia davvero l’ultimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: