Gemelli siamesi

Il populismo sudamericano va rapidamente trasformandosi in una reviviscenza socialista dura e pura.Paesi battistrada di questo processo il Venezuela di Hugo Chàvez e la Bolivia dell ex-cocalero Evo Morales assurto al potere attraverso libere elezioni,proprio come accaduto in passato ad un nutrito stuolo di dittatori.

Per carità, nessun manganellamento o pestaggio squadrista ha accompagnato l’intronazione di questo singolare personaggio,ma le ultime scelte politiche ed alcune affermazioni estemporanee del nostro fanno seriamente dubitare della volontà di contenere entro argini ragionevoli cotanta esuberanza.

Dopo aver fatto riferimento alla relazione esistente tra la carne bianca e l’omosessualità umana,non si sa da quale letteratura medica suffragata,l’idolo di ogni buon terzomondista ha deciso di passare alla ciccia,come suol dirsi,dedicando la propria attenzione al dominio dell’economia.Il che,come esperienza suggerisce,può essere foriero solo di sicure catastrofi come accade ogniqualvolta un politico tenti di ricondurre il mercato nell’angusto recinto dell’ideologia,perdipiù d’accatto.

Ma questa,ahinoi,sembra essere diventata la linea guida in questo globo in crisi causa la regolamentazione che per curare una crisi devastante esige…più regolamentazione.E allora via con una sarabanda di programmazioni,nazionalizzazioni e dazi vari da far pagare agli uomini qualunque sempre più vessati da quei mostri autonominatisi loro tutori dalla culla alla bara, come usava dire un tempo.

In quest’ottica il piccolo paese andino non poteva far eccezione visto anche quel vento di demagogia che spazza impetuoso il continente latinoamericano.Manco fosse il personaggio del Bananas di Woody Allen,Morales,con un ukaze dei suoi,ha deciso di ricondurre in mano pubblica tre compagnie produttrici di energia elettrica unitamente ad un colosso della distribuzione come Elfec.

Il tutto avviene dopo che l’industria mineraria, quella petrolifera  e le telecomunicazioni hanno subito uguale sorte.Risultato? Semplicissimo.L’Aumento immediato delle tariffe per tutti i servizi erogati: benzina più cara, gas più caro,bollette telefoniche più salate e via di questo passo.L’alibi,naturalmente,è quello  che i settori strategici devono rimanere patrimonio collettivo per garantire un uguale trattamento per tutti.

Insomma,il consueto florilegio di scemenze che fa da carteggio ad ogni potere e prepotere statalista e dirigista da Marx in poi.Non è un caso che la cornice scelta per divulgare la lieta novella sia stata delle più emblematiche: il Venezuela del fratello in spirito Chàvez,presso cui Morales si era recato in visita-pellegrinaggio.A far da suggello aggiungiamo che la data,calendario alla mano,corrispondeva al primo maggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: