Primavera dei popoli

Quel che stupisce nell’esito delle elezioni belghe di ieri non è tanto il loro esito piuttosto scontato,quanto la singolarissima coincidenza temporale che vede il Belgio sulla via della secessione guidare la Presidenza di turno dell’UE ovvero del mega-stato continentale.

Sembra,anche ad occhio cinico e disincantato,una sorta di nemesi,di beffardo contrappasso a tanta inutile,melensa ed insopportabile retorica politicamente corretta che ha reso disgustosa ai più un’illusione (perchè di questo si tratta,in fondo) per cui si erano spesi nel secondo dopoguerra ingegni sopraffini. Se costoro,ne siamo sicuri,avessero vista la deriva burocratica del proprio progetto si sarebbero dedicati ad altro.

E dunque con quale faccia di bronzo i signori dell’Europarlamento potranno parlare di armonizzazione fiscale,di nuovi vincoli unitari,di livellamento delle materie comunitarie visto che il Presidente dell’assise e, dal primo luglio, anche il Capo della Commissione apparterranno ad un non-paese,come ,efficacemente ebbe a dire, a suo tempo, l’ottimo deputato indipendentista britannico Nigel Farage?

Un non-paese perchè sussistono pochi dubbi che l’inerzia elettorale conduca alla separazione consensuale,si spera,tra le due principali comunità,quella fiamminga e quella francofona, che compongono questa specie di Frankenstein istituzionale conosciuto col nome di Regno del Belgio.

Il voto ha solo impresso un’accelerazione notevole a questo processo inarrestabile e ne avremo piena contezza già dalle prossime settimane con le estenuanti schermaglie per la formazione del nuovo Esecutivo e per l’individuazione di un percorso comune sulle tanto auspicate riforme.

La N VA,trionfatrice dell’urna, difficilmente accetterà un basso compromesso teso a mantenere lo status quo,come volontà evidente della contropartita vallona.Perchè sarebe un compromesso economicamente oneroso ed insopportabile,vieppiù in tempo di crisi,per la parte più dinamica ed economicamente sviluppata dello stato federale.

Ufficialmente disposta ad una soluzione confederalista,la formazione guidata da Bart De Wever,alzerà la posta dinanzi al surplace di Di Rupo& Co (la banda del buco brussellese) sino ad arrivare alla rescissione del patto federativo nazionale.

L’effetto domino innescato dall’evento si potrà riverberare a mo’ di tsunami in quasi ogni angolo dell’unione,quasi come un ’89 differito.Nessuno Stato,infatti,può dirsi al sicuro da spinte centrifughe.Anzi il fallimento di uno dei padri fondatori dell’UE farà risaltare tutta l’inadeguatezza di questi contenitori totalmente incapaci di rispondere alle sfide della modernità e di esaudire il crescente anelito di libertà proveniente delle potenziali “patrie per consenso” di rothbardiana memoria.

Annunci

2 Risposte to “Primavera dei popoli”

  1. Primavera dei popoli? Che scemenza. Semmai è il tramonto definitivo dell’Europa, il declino definitivo verso l’auto-annientamento sulla scena internazionale, basata tutta sulla patetica e ridicolaillusione di crearsi il proprio “piccolo mondo” tutto “perfetto” per se stessi che interagisce con gli “altri” solo quando questi “altri” (il resto del mondo), sono disposti a rinunciare ai propri diritti per consentire a noi di fare, esclusivamente, i nostri comodi.
    Quanto “all’illusione” europeista, adesso tanta disprezzata, ci si dimentica che questa è stata una delle 2/3 ragionigrazie alla quali in Europa occidentale non ci sono state guerre da 65 anni.
    Forse che tutti questi piccoli ras che esaltano all’inverosimile le varie micro-nazionalità, abbiano nostalgia del passato? Un passato fatto discontri feroci e sanguinosi che noi europei, coccolati da tanta abbondanza, abbiamo completamente dimenticato?
    Per adesso si esaltano “le apparteneze etniche” fino alla spasimo; ma, si sa, che questi personaggi beceri e qualunquisti, hanno sempre bisogno di un nemico qualunque a cui addebitare la responsabilità e la colpa delle cose che vanno male; un “nemico” da combattere ad ogni costo, da distruggere.
    Il pendio verso la frammentazione e l’autarchia nazionalistica che abbiamo intrapreso in Europa fa molta, molta paura, è preoccupante perchè ci conduce verso un futuro molto fosco.
    Altro che primavera dei popoli.

  2. lafayette70 Says:

    Mi sembri avere le idee chiare: poche,ripetitive,ma chiare.Ovviamente spero di cuore che tutto quanto ti sta a cuore, ovvero questa ridicola parodia sovietica,abbia presto fine.Unitamente a quegli stati nazionali che non difendo per nulla,se ti prendi la briga di legger bene senza sputar sentenze.Chi vuole la libertà non desidera conflitti come sembri paventare.Tuttalpiù sono le nazioni ed i super-stati ad essere i responsabili dei peggiori conflitti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: