Colpo basso

La fonte è di quelle insospettabili : il web-magazine “Reason.com” una delle bibbie del libertarismo americano e mondiale. Che da subito aveva  simpatizzato con la parabola umana di Julian Assange e la sua creatura Wikileaks, terrore di ogni diplomazia e castigamatti dei potenti mondiali.

Ma ora dallo stesso canale che aveva denunciato le singolari coincidenze di un’inchiesta messa su alla bell’ e meglio per incastrare l’australiano, arriva un attacco piuttosto insidioso che ne menomerebbe il prestigio sin qui acquisito a colpi di segreti divulgati.

 Reason, difatti, che aveva identificato l’autore dello scoop sulle pressioni della CIA nei riguardi delle due donne protagoniste dell’incriminazione di A. ha scoperto aspetti inquietanti sulla personalità e l’opera dello stesso.

 Israel Shamir, questo il nom de plume adottato dal collaboratore di wikileaks incaricato di trasmettere le rivelazioni del network in Russia, coincide in realtà con quel Adam Ermash, giornalista svedese di origine russa, autore di dichiarazioni apertamente antisemite se non negazioniste come quella rilasciata ad un collega della stampa scandinava: “Negare l’olocausto è un dovere per ogni buon cristiano e ogni buon mussulmano”.

 Ma non finisce qui. Auschwitz? “Un campo di internamento monitorato dalla Croce Rossa. Mica come Guantanamo”. Ciliegina finale. Gli ebrei? “Un virus sotto forma umana. I Protocolli dei savi di Sion narrano il vero”.

 Anche se si trattasse di una sofisticata tecnica di disinformatjia (i servizi ,come noto, son capaci di queste ed altre nefandezze) è bene che , nelle prossime settimane, la cappa di ambiguità che circonda tutta la vicenda venga dissipata. In  modo che la montatura venga smascherata o che ad una grave sottovalutazione venga posto prontamente rimedio.

Il link al servizio completo di “Reason.com”    http://reason.com/archives/2010/12/14/the-assange-employees

Annunci

2 Risposte to “Colpo basso”

  1. La possibilità di un’enorme montatura a fini speculativi (o per dare qualche mese di respiro all’Iran) aumenta giorno dopo giorno. Va a finire che Assange si rivelerà l’ennesimo utile idiota di qualche grande vecchio, pronto ad essere buttato nel cestino passata la sua utilità contingente.

  2. lafayette70 Says:

    Questo, a dire il vero, non sono in grado di affermarlo,ovviamente.Resta da dire che,fosse vero,come pare sia, si tratterebbe di una pessima figura.Ognuno è libero di scegliersi i collaboratori che più gli aggradano,ma deve poi sottoporsi al giudizio, anche morale, della tanto decantata opinione pubblica. Se devo spezzare una lancia a favore del nostro, devo però soggiungere che lo stesso Premier israeliano, Bibi Nethanyahu (notoriamente non una mammoletta) aveva commentato positivamente le rivelazioni di Wikileaks. Staremo a vedere gli sviluppi, se ce ne saranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: