Doppio Sogno

Per singolare coincidenza, non sappiamo se oltremondana o umana, troppo umana, il calendimaggio odierno ha radunato due folle diverse eppure simili in molte piazze italiane. A ben guardare si trattava di due esequie monumentali celebrate con sfarzo e sforzo organizzativo non indifferente mercè anche l’aiuto, non sappiamo quanto volontario, del contribuente peninsulare. A seppellire le grandi e fascinose illusioni di palingenesi universali, il cristianesimo ed il socialismo, centinaia di migliaia di volti ancora speranzosi e non perfettamente consci, forse, di vivere un’età di passaggio fra l’umanità ad una dimensione delle ideologie onnicomprensive  e quella proteiforme, policroma e prismatica  dei tempi attuali. Ma poteva trattarsi benissimo anche di una risposta consapevole all’angoscioso dilemma dell’inafferrabilità che sfocia in un nichilismo alle volte cinico talaltre stoicamente vissuto. Celebrare la santità di un uomo o la figura mitopoietica del lavoratore tayloristicamente inteso uniscono così, all’anacronismo del rituale, la forza consolatoria del dogma di fede. La debolezza di simili pensieri forti dimora, tuttavia, quasi per un beffardo paradosso, proprio laddove parrebbe risiedere il loro nucleo fondamentale: lo schema assolutizzante su cui poggiano queste due ipostasi ed interpretazioni escatologiche della storia è viziato, infatti, dalla presunzione di infallibilità dalla quale scaturiscono, a cascata, tutta quella serie quasi infinita di postulati teologici o morali che si presume essere spinozianamente “more geometrico” dimostrabili. Il che la dura legge della necessità si è incaricata di smentire vuoi attraverso il corso delle umane vicissitudini storiche e politiche vuoi a causa di quell’ irrequietudine fluttuante della speculazione intellettuale divenuta oramai un patrimonio comune dal segreto alchemico riservato a pochi iniziati che era sino a non molte decadi trascorse.

Annunci

4 Risposte to “Doppio Sogno”

  1. Ok, Salvatore, molto ben scritto ma potresti fornire un compendio ai lettori col cervello in pausa-riposo settimanale? Giuro che ogni tanto seguire il ragionamento è stato abbastanza faticoso. Insomma, va bene l’ermetismo e la forma breve del post, ma, insomma, un minimo di moderazione (^_^)

  2. Istintivamente mi associo al commento di Apolides, non senza aggiungere che il doppio sogno si è rivelato una doppia illusione. E le moltitudini acritiche ed osannanti (delle quali dubito assai) lo dimostrano palesemente.

  3. lafayette70 Says:

    Un consiglio utilissimo e un salutare rappel à l’ordre. Diciamo che il complesso del pezzo consiste in un parallelo, forse azzardato forse no, tra le due grandi ideologie (religioni) che hanno accompagnato l’umanità da almeno due millenni: il cristianesimo ed il socialismo, secolarizzazione del primo secondo una vulgata abbastanza diffusa . Il pretesto era la singolare coincidenza della beatificazione del penultimo pontefice con la celebrazione laica della festa “rossa” per eccellenza,il primo maggio. Attorno a questo ho imbastito alcune osservazioni personali, ovviamente non esaustive, sulla crisi della visione teleologica ed escatologica che accomuna questi due prodotti dello spirito umano ed al contestuale avanzare di una concezione dinamica della realtà oramai diffusa anche al livello di massa. Nulla di originalissimo, ma queste erano le sensazioni che ho avuto da modesto spettatore di avvenimenti tanto importanti

  4. lafayette70 Says:

    Hai colto esattamente il punto, Nico. Il mio timore è che alla massificazione del passato se ne sostituisca una nuova ancora più coartante. Purtroppo la via per il trionfo dell’individualismo inteso anche come nuovo umanesimo possibile è ancora impervia e disseminata di insidie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: