Scossone newyorchese

Piccolo ma significativo test elettorale americano a 14 mesi dal rinnovo di congresso e presidenza. Al voto Nevada (dove l’esito era scontato) ed il nono distretto camerale di New York (zona Queens) da tempo immemore bastione democrat. Proprio qui si è giocata la posta principale. Intendiamoci: l’affluenza alle urne è stata bassissima, come in ogni special election che si rispetti. Ma nel feudo che fu del rampante ed ambizioso rappresentante Anthony Weiner, travolto da un non insolito destino mercè il consueto scandalo a luci rosse così di moda, evidentemente, nella Grande Mela (del peccato), il partito di Obama & Co. incassa una sberla niente male. Autore dello sgarbo l’oscuro Bob Turner (nessuna parentela col più noto Ted, creatore e boss di CNN) che ha surclassato il candidato dell’Asinello, David Weprin. Determinanti nella disfatta (54 a 46) i malumori della comunità ,scontenta delle politiche mediorientali dell’amministrazione corrente, ed, senza ombra di dubbio, le sempre più fosche previsioni sull’andamento dell’economia americana, angustiata dalla morsa del twin deficit e da un’incipiente ricaduta in recessione. Tutto previsto, per contro, come accennato nella seconda constituency del Nevada: più di venti i punti che separano il vincente Mark Amodei (GOP) dalla democratica Kate Marshall. Decisamente il numero sbagliato su cui puntare sulla ruota del casinò nello stato di Las Vegas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: