Vittoria di Pirro

E finalmente governo fu! Dopo oltre 570 giorni di crisi politico-istituzionale, infatti, il Belgio avrà, presumibilmente da lunedì, un esecutivo nuovo di zecca guidato da Elio di Rupo, esperto mestierante socialista, uscito indenne da una sciarada interminabile che avrebbe potuto abbattere chiunque. Non questo virtuoso della mediazione, capace di far accordare i principali partiti del paese su un corposissimo e defatigante dossier, istituzionale oltre socio-economico. Basti pensare che il programma della neonata compagine risulta “condensato” in qualcosa come 179 pagine fitte fitte. Ma, passata l’euforia del giorno dopo, bisognerà fare i conti con la dura realtà dell’immediato futuro che si riassume in una frasetta semplicissima quanto gravida di conseguenze future: il Belgio è un paese fallito. Nonostante, infatti, gli sforzi di socialisti, democristiani e liberali abbiano consentito di raggiungere un fragile compromesso, in articulo mortis, su diversi temi scottanti quali la ripartizione delle spese per il welfare statale o l’assetto del famigerato distretto BHV, l’inerzia volge ineluttabilmente in direzione di una separazione fra le due comunità. A congiurare  verso questo esito l’insofferenza ed il malessere crescente verso una struttura tarlata da troppi errori ed orrori burocratici, affrettatamente passati in cavalleria come “contributi  alla realizzazione di un autentico spirito federale”. Fatto sta che, ad un certo punto, la frustrazione maturata per il freno unitario alle velleità di sviluppo, modernizzazione, elasticità decisionale della parte più dinamica nel connubio fiammingo-vallone si è trasformata in un rigetto puro e semplice di tutta l’architettura statale. E quanto la mistica della nazione una ed indivisibile, verrebbe da dire mutuando formula di quel passato francese non certo estraneo al singolare ircocervo belga, sia in crisi lo testimoniano le prime reazioni alla nascita del gabinetto Di Rupo. Nelle Fiandre, infatti, la formazione autonomista-indipendentista, la N-VA(nuova alleanza fiamminga, erede della VolksUnie) è volato ad un incredibile 40% di potenziali consensi, eguagliando, da sola, i tre partiti formanti la coalizione. Cosa ciò significhi non dovrebbe sfuggire a Bart de Wever, il leader dei regionalisti: nonostante il fiume di retorica patriottarda che si è riversato in ogni casa, la risposta è il rigetto vieppiù amplificato. Si tratterà di vedere ora se a dare il colpo di grazia al castello dell’unione sarà il salasso fiscale in arrivo imposto dall’UE o non piuttosto il fragoroso crollo del colosso bancario-assicurativo Dexia, fino a non molto tempo fa fiore all’occhiello della finanza brussellese. Comunque sia, non serve di certo la sfera di cristallo a prevederlo, non sarà un’attesa molto lunga.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: