Archivio per Atene

Sfida aperta

Posted in politica estera with tags , , , on giugno 16, 2011 by lafayette70

Una giovane donna già diventata l’emblema della rivolta greca contro l’austerity del governo Papandreu. Idee forse non così chiare, ma coraggio da vendere

Impatto imminente

Posted in politica estera with tags , , , on giugno 15, 2011 by lafayette70

Una prova generale di quello che potrebbe accadere nelle principali capitali europee di qui a qualche mese: una folla inferocita blocca il parlamento dove un governo screditato tenta di far passare provvedimenti finanziari onerosissimi gabellati come salvifici onde evitare la bancarotta di sistema; il Primo Ministro, in serissima difficoltà, tratta con le forze dell’opposizione per cooptarle in un governo di unità nazionale capace di rendere meno indigesta la medicina da far trangugiare al popolo sovrano; il default del paese, già certificato, diventa una realtà incontrovertibile con buona pace di tutte le istituzioni e banche internazionali esposte per ampie quote del debito ellenico. Tutto questo sembra materializzarsi quasi in un sol giorno dalle parti di Atene con lo sciopero ad oltranza e le manifestazioni in stile primavera araba: inevitabile la ricaduta politico-istituzionale con la mossa allo spariglio di Papandreu pronto ad un allargamento dell’esecutivo e anche alle dimissioni per favorire questo passo. Ma se la classe politica greca riesce a percepire tutta la profondità del baratro in cui rischia di precipitare e tenta faticosamente di sottrarsi al cruento destino guadagnando tempo e proponendo magari una rinegoziazione del diktat europeo, non pare vi siano segnali di resipiscenza a Bruxelles ed in casa FMI. Come dire che i responsabili diretti di una folle architettura sovietizzante di cui sono principali emanazioni la BCE e la moneta unica per cui tanto inchiostro fu speso in peana trionfali continueranno a pretendere un salasso insostenibile dal piccolo grande malato continentale pur di evitare un contagio mai così certo. Il prezzo di tale mancanza di lungimiranza sarà tragico e tale da far vacillare, forse, lo stesso patto scellerato tra politica e banche centrali all’origine di quello che con immagine pregnante alcuni economisti definiscono il “truffone globale” o un enorme mostruoso Schema Ponzi.

Stato d’assedio permanente

Posted in politica estera with tags , , , , , , on giugno 10, 2011 by lafayette70

In Grecia, le due principali organizzazioni sindacali del paese, hanno chiamato la popolazione ad una ennesima , massiccia manifestazione contro le misure di austerità varate dal governo socialista per venire incontro ai diktat dell’UE e del FMI. La polizia presidierà in tenuta antisommossa i principali edifici del potere ellenico per timore di gravi incidenti

Pietà l’è morta

Posted in politica estera with tags , , , , on maggio 6, 2010 by lafayette70

Dal racconto dell’editorialista del quotidiano greco “Kathimirini” che ha assistito personalmente alla folle giornata di violenza nella capitale greca:

“Testimoni mi hanno riferito che dei manifestanti che passavano davanti al luogo dell’incendio(la banca in cui sono morti tre impiegati) hanno ignorato le grida di aiuto delle vittime.Qualcuno li ha addirittura scherniti con slogans anticapitalisti”

Crepuscolo degli dei

Posted in politica estera with tags , , , , on maggio 5, 2010 by lafayette70

Tutti i nodi vengono al pettine,dunque.Dopo aver solennemente firmato il piano di salvataggio concordato con l’Unione Europea ed il FMI,il Governo greco tenta di propinare l’amarissima medicina dell’austerithy ad una popolazione riottosa

.Le avvisaglie di quello che potrebbe accadere nelle prossime settimane si son viste già oggi con lo sciopero generale,ferocissimi scontri da guerriglia urbana e i primi morti sul terreno.Nella fattispecie tre poveri clienti di una banca morti carbonizzati nell’incendio innescato dal lancio di bombe molotov.

I peggiori scenari incombono cupi su un paese sgovernato da una manica di farabutti e che ha tollerato la crescita spropositata di un enorme apparato pubblico senza batter ciglio,giovandosi anzi delle prebende e dei privilegi elargiti dal padrone.Una volta smascherato il trucchetto rimane solo la rabbia.E la richiesta di più catene,più disciplina,più risorse.Più stato,insomma.Con tutto quel che ne consegue per corollario e che già a suo tempo Tocqueville dipinse mirabilmente nel suo “Ancien Régime et la Révolution”. Un regime assolutista,quello dei monarchi per diritto divino,che vien meno sostituito da un altro più centralizzato,pervasivo,occhiuto e dispotico.

Ora la Grecia può essere davvero l’incubatrice di un’ulteriore perfezionamento della macchina infernale costruita negli ultimi due secoli.Sia che prevalgano le autorità per mezzo di una stretta repressiva, alla Bava Beccaris per intenderci, sia,come più probabile,la pressione popolare riesca ad imporre la propria tirannia della maggioranza.Il guaio è che potrebbe essere presto un articolo da esportazione di gran successo.

Ad opporsi a tutto questo, a tentare di scongiurare la catastrofe finale solo gli individui autenticamente liberi, come quel John Galt che giace nella coscienza di ognuno e che,per quieto vivere ed ossequio all’autorità costituita,abbiamo preferito rimuovere.’E giunto davvero il momento di tirarlo fuori.Se non ora,quando?

Le Rovine di Atene

Posted in politica estera with tags , , on maggio 1, 2010 by lafayette70

Atene brucia,ma stavolta non per colpa dei persiani.Travolta dalla crisi economica e finanziaria a causa dell’insipienza della propria classe politica,la Grecia si prepara a vivere una fase di pericolosa instabilità di cui si vedono solo le prime avvisaglie