Archivio per Evasione Fiscale

La Colonna infame

Posted in Libertà individuali with tags , , on maggio 19, 2010 by lafayette70

Tanto tuonò che piovve…

Il vecchio adagio calza benissimo per la surreale vicenda Falciani,l’ex-impiegato della HSBC,trasformato,da tutti i media dell’establishment,in una sorta di impavido partigiano che ha assestato durissimi colpi alle legioni di evasori presenti in ogni dove.

O,tutt’al più in un utile idiota dei cui servizi valersi per restaurare l’ordine violato.Quello stesso ordine che,ricordiamolo,sta trascinando i burosauri statali verso il precipizio.Il che  sarebbe picciol danno di sicuro,non fosse per il dettaglio nient’affatto trascurabile che la caduta coinvolgerebbe tutti i sottoscrittori del contratto sociale.Sottoscrittori la cui adesione al progetto Leviatano fu,in illo tempore,estorta con una pistola puntata alla tempia,sia ben chiaro.

E quindi via alle liste di proscrizione per poi procedere lungo il piano inclinato,magari proponendo,come già fatto,la sospensione del diritto di voto per i reprobi,ulteriori sanzioni pecuniarie e perchè no? corporali.

Di più! Rilanciamo con l’istituzione di speciali campi di rieducazione in cui somministrare ai ribelli l’amara medicina dell’ossequio incondizionato al grande benefattore che, come recita il noto refrain,noi stessi rappresentiamo con gli atti del nostro vivere sociale.

 “Lo Stato sono Io!”,diceva un tempo quel monarca cui si deve la nascita del moderno assolutista.”Lo Stato siamo Noi”,gli fa eco,tre secoli dopo,il trombettiere democratico aduso a dissimulare la propria vorace volontà predatoria dietro il velo di Maya dell’unanimismo guadagnato nel quotidiano esercizio del potere.

Potere che,quasi inevitabilmente si muta in prepotere e che,ammoniva il più grande dei poeti moderni,rende folli.Soprattutto se va a detrimento del più prezioso tesoro che alberga in ogni cuore umano,compreso il più riottoso: l’amore per la libertà

Divide et impera

Posted in Economia with tags , , , , on maggio 13, 2010 by lafayette70

Sono notizie di un vero e proprio commissariamento delle istituzioni quelle che ci vengono quotidianamente dalla Grecia,esempio quasi in vitro di failed state.A dirla fuori dai denti una classe dirigente come quella ellenica,principale artefice dello sfascio cui assistiamo in questi tempi disgraziati con le sue ruberie e le sue sconsiderate largitiones,meriterebbe ben di peggio.

Ma nemmeno l’eurocrazia scherza in tema di istigazione alla più becera demagogia.

Così in luogo di premere per un ben più incisivo ridimensionamento del mastodontico settore pubblico cosa vanno a consigliare le sottili menti economiche dell’Unione? Non bastasse il via libera ad una raffica di inasprimenti fiscali che piomberanno qualsiasi futura possibilità di ripresa, arriva il geniale e liberticida suggerimento di avvalersi della delazione.

Proprio così! Memori,forse, dell’estemporanea uscita di un passato governo italico,i Nostri indicano la strada maestra al buon Papandreu: costui combatta l’insana piaga dell’evasione fiscale ricorrendo al solerte aiuto di sicofanti istituzionalizzati e,crediamo,ben prezzolati i quali,peraltro,godranno di una speciale garanzia di anonimato.

Superfluo chiedersi chi controllerà i controllori che dovranno vagliare le denunce per poi mettere alla berlina i perfidi speculatori.Altrettanto infantile chiedere perchè si cerchi di distogliere l’attenzione dai problemi reali per concentrarsi su simili sanculottate.La risposta è in re ipsa: spostare l’obiettivo della collera popolare dai veri colpevoli,quelli che il Roark randiano definirebbe “i parassiti”, a coloro che stimano giusto godersi il frutto della propria attività senza dover sottostare ad una quotidiana rapina senza passamontagna.Non è un caso che la stretta andrà a colpire il gracile settore privato greco composto di liberi professionisti,medici ed artigiani.

Non è escluso che questa ricetta da dottor Stranamore venga estesa ad altre province dell’impero qualora offrisse il tangibile risultato di una cesta di teste mozzate da esibire a mo’ di trofeo alle folle plaudenti del colosseo mediatico.

Il che costituirebbe un’ ulteriore tappa verso quell’incubo totalitario così tremendamente divenuto realtà nel secolo scorso.Sta anche a noi tentare di scongiurarlo!